• Stefania Gaia Paltrinieri

Calze Elastiche: come beneficiare della terapia elastico-compressiva

Le gambe sopportano il peso del nostro corpo: affrontare scalinate, stare per ore in piedi, camminare a lungo... tutto mette le nostre gambe a dura prova. Chi soffre di una malattia venosa ha un problema: le valvole delle vene sono compromesse e non spingono il sangue verso l’alto, lasciandolo depositare e ristagnare nel piede. E' questo l'aiuto fornito dalle calze elastiche terapeutiche a compressione graduata: permettono lo svuotamento venoso, come una vera e propria pompa supplementare. Sono oggi il miglior dispositivo, per efficacia e completezza, per combattere l’insufficienza venosa. Ne parliamo con il Dott. #Perrino, Direttore del Centro Ortopedico Rinascita, importante realtà del Nord Milano.


Calze Elastiche: la terapia elastico-compressiva

– Dottore, cosa intendiamo per calza terapeutica?

Parliamo di dispositivi medici, quindi ordinati da un medico ed erogate da tecnici ortopedici qualificati. Al COR (Centro Ortopedico Rinascita) rispettiamo standard di fabbricazione promossi dalla normativa tedesca RAL-GZ 387, garanzia europea di massima qualità. Il filato è estendibile nei due sensi e questo facilita i movimenti articolari; è areato per favorire la traspirazione cutanea; ha una perfetta adattabilità alla forma dell’arto. Una perfetta aderenza ed efficienza della calza, insomma.

Sul mercato è possibile trovare calze definite terapeutiche non certificate RAL, certo forse costano meno, ma noi raccomandiamo sempre calze certificate (LINK).


– Possono esserci problemi di utilizzo?

Forse durante i primi giorni si avverte un leggero senso di costrizione. E' normale, serve pazienza, ma presto ne sentirete i benefici. Per il resto i problemi capitano se utilizziamo prodotti non adeguati, o con misure errate: la calza scivola inevitabilmente verso il basso. Una corretta misurazione è fondamentale. Importante poi è verificare l’efficacia della compressione con appositi strumenti, al primo utilizzo e a distanza di tre mesi.

Al COR invitiamo i clienti ad una verifica anche dopo i primi 40 giorni.

Non dimentichiamo infine che la calza scade: trascorsi circa 6/7 mesi di utilizzo le proprietà compressive si allentano.

E' importantissimo usare la calza nel modo corretto. Le calze si indossano al mattino, quando le gambe non sono ancora gonfie; alla sera rimuovere la calza afferrandola dolcemente dall’alto e delicatamente farla scivolare verso il basso. Non tirarla mai.


– Ha consigli per un corretto lavaggio?

Ottima domanda. Bisogna lavare spesso la calza per rigenerare il filato. Anche tutti i giorni, o almeno a giorni alterni se potete. Lavate la calza a mano usando acqua tiepida e sapone neutro. Niente lavatrice, solventi o candeggine. Risciacquo abbondante con acqua tiepida e attenzione a non strizzarla e non stenderla. Mai ed esporla al sole. Evitare anche caloriferi o fonti di calore. Occorre semplicemente distendere la calza su un piano, fra due panni asciutti, senza appenderla o provocare alcuna tensione.


– Esistono differenze fra le calze terapeutiche proposte?

Certo. Ci sono 4 classi di calze terapeutiche, Si parte da una compressione leggera di 18-21 mmHG ad una molto forte dai 49 mmHG in su. La compressione di riferimento si misura alla caviglia e diminuisce man mano che si sale verso l'alto: 100% alla caviglia, 70% al polpaccio e poi 40% alla coscia. E' questo che aziona il movimento meccanico che agevola il ritorno sanguigno.

Compressioni più leggere sono invece utili per un’azione riposante, adatte a chi lavora a lungo in piedi.

Al Centro Ortopedico Rinascita c'è la soluzione ad ogni problema, anche per gambe fuori misura o nel caso servissero compressioni maggiori.

Se non esiste il prodotto adatto di serie provvediamo progettando una calza su misura.



– Da sempre riservate particolare attenzione al diabete, anche nelle calze?

Si, il piede diabetico è delicatissimo e occorre evitare ogni tipo irritazione e lesione. Proponiamo calze prive di cuciture, con tessuti estremamente confortevoli e fibra antimicrobica d’argento, anche con dita separate per mantenerle sempre asciutte e areate.


– Non solo calze terapeutiche, ma anche per lo sport?

Certo, calze ad elevato contenuto tecnologico: con fibre di carbonio attivo per il controllo dell’odore; suola ammortizzata che protegge da microtraumi; cucitura piatta per garantire un comfort di lunga durata ed evitare attriti con la pelle.


Questo articolo è stato redatto con la consulenza del Dr. Perrino di Centro Ortopedico Rinascita, centro specialistico di ortopedia di Cinisello Balsamo, via Lincoln, 1 (Area Nord Milano). Per informazioni e consulenze: 02.6173566


Eventi, notizie, attività di NordMilano
© Copyright 2018 - nordmilanonline.it è un blogzine realizzato da Stefania Gaia Paltrinieri - Cinisello Balsamo - P. IVA 10174510965

Potrebbe interessarti anche: https://www.cinisellonline.it

  • Facebook - Grey Circle
  • Google+ - Grey Circle
  • YouTube - Grey Circle
  • Pinterest - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle